Blogroll

2017: Centro America, Hospitalero, Sarawak

Settembre 2017 Castilblanco de los ArroyosI viaggi di clach nel 2017 li posso dividere in tre parti: i primi 4 mesi in America Centrale, poi 6 in Europa e gli ultimi 2 in Asia.

La prima parte dei viaggi di clach nel 2017, fino al 25 aprile, si è svolta tra Caraibi e Centro America. Repubblica Dominicana, Costarica, Nicaragua, El  Salvador, Guatemala e Messico.

La seconda, fino ai primi di Novembre, in Europa: Portogallo, Spagna, Inghilterra, Italia, Lituania e Polonia. E la terza da Novembre a fine anno, tra Malesia, Indonesia e Il finale in Thailandia.

Includendo Honduras e Singapore, che ho attraversato senza dormirci, sono 17 Nazioni, ma nessuna in cui non ero già stato, gli anni precedenti!

Mappa dei viaggi di clach nel 2017

Caraibi e Centro America

Il mio 2017 è cominciato in Repubblica Dominicana, viaggiando da Las Galeras a Punta Cana. Qui ho fatto il volontario al Bavaro Hostel, cercando invano di capire chi sbava per Bavaro,  e realizzando il vero costo della vita a Santo Domingo, fino al 14 febbraio, quando sono volato per il Costarica.

In Costarica sono rimasto solo quattro giorni, per passare il resto del mese in Nicaragua off the beaten track. Terminati i giorni idilliaci in Nica, arrivare in San Salvador, via Honduras, è stata un’avventura.

Avrei dovuto fare il volontario a Playa del Cuco, ma uno dei tanti cialtroni che si mette in Workaway mi ha tirato l’ennesima fregatura, per cui dopo 3 giorni ho ripiegato su un ostello di Antigua, in Guatemala. Non senza però portarmi un bel ricordo del Salvador, grazie ai due giorni passati con la splendida gente di Casa Frolaz, a Santa Ana.

Antigua e Chiapas

Ad Antigua non avevo nulla da fare nel mio lavoro alla Reception, ma non mi lamento di certo. Perchè oltre ad avere tre ottimi pasti del Ristorante vegetariano e le lezioni gratis della scuola di yoga, entrambi parti dello stesso business, la città e i suoi dintorni offrono sempre qualcosa da fare.

Lasciata Antigua le cose sono andate ancora meglio: qualche giorno al Lago Atitlan, un paio di notti a Xela, la scappata il 1 aprile in Antartide, realizzando così uno dei miei sogni, ed eccomi in Chiapas.

Cristo, San Cristobal che posto magico! Forse la città coloniale più bella dell’America Centrale. Anzi, senza il forse tra quelle in cui sono stato, seguita da Antigua e Granada in Nicaragua.

Ci ho passato la Pasqua e alla fine sono stati solo 12 giorni, facendo “hostels hopping” (perché li recensivo) più un altro paio tra Comitan de Dominguez e Tuxla Gutierrez, prima di volare su Cancun e passare le ultime 3 notti messicane a Playa del Carmen distrutto dalla diarrea.

Chiapàs ù e porta a cà!, direbbero a Milano. E il 24 Aprile sono tornato in Europa con un volo su Lisbona.

Europa

I viaggi di clach nel 2017

Freshford, Bath

Dopo l’esperienza del 2016 del Camino di Santiago, Maggio è diventato per me il mese consacrato alle camminate. Ma ho dovuto interrompere dopo solo una settimana il Camino Portoghese Interiore, per un colloquio di lavoro il cui esito negativo ha provocato uno dei momenti più sconfortanti dell’anno.

Sbollita la rabbia, ho fatto il Camino portoghese della Costa, e speso tre giorni le bellissimo Parco di Geres, prima di fare il 24 maggio un corso di un fine settimana per diventare Hospitalero volontario sul Camino di Santiago.

Insomma maggio 2017 è stato il mese dei Camini portoghesi. E l’esperienza di questi due anni mi ha permesso di preparare una Guida sul Cammino di Santiago, ormai irrinunciabile per chiunque. Oltre che sul dove mangiare in Portogallo, una delle cose più soddisfacenti per chi viene in questo bel paese e per chi cammina in generale.

Ai primi di giugno sono tornato in Inghilterra dopo la bellezza di 9 anni! Cinque giorni tra Bristol e Bath, a trovare mio cugino e conoscere sua figlia, che a quasi quattro anni di età ho finalmente visto per la prima volta.

Hospitalero sul Cammino

monastero vairao

Entrando al Monastero di Vairao

Dal 17 a fine mese ho avuto la mia prima esperienza come Hospitalero sul Cammino di Santiago. Esperienza ottima, che ripeterò a Settembre e spero il prossimo anno.

Sono rimasto al Monastero di Vairao fino al 13 luglio. Dopo una settimana di riposo alla base di Villa Real di Santo Antonio (d’ora in poi VRSA), il 21 luglio sono tornato alle Azzorre. Questa volta rimanendoci due settimane, fino al 2 agosto e visitano ben 4 isole: TerceiraFaial, Pico e Sao Jorge. 

Dopo un’altra breve sosta fino al 7 agosto a VRSA, l’8 agosto sono tornato a Milano e in Italia dopo oltre un anno e mezzo di assenza. Ho passato tutto Agosto e fino ai primi di Settembre a Milano, curando la Ginger, la gattina di mia sorella, e rendendomi conto del vero costo della vita a Milano nel 2017.

Ai primi di Settembre ho fatto un viaggetto di una settimana tra Lituania e Polonia, passando per Bialystock, Podlachia, quasi Bielorussia. Tornato a Milano per una notte, il 12 ho fatto tappa una notte di tapas a Siviglia. Prima di passare dal 13 al fine mese a Castilblanco de los Arroyos, paesino andaluso a una cinquantina di km dalla capitale. Dove ho ripetuto l’esperienza di Hospitalero sul Cammino di Santiago.

Ottobre è iniziato a VRSA, ma il 6 ho cominciato una nuova avventura, camminando per una settimana la Rota Vicentina, il Sentiero dei Pescatori, prima di tornare alla base fino a fine mese, con un paio di gite giornaliere, una fino alla Sierra de Aracena.

Asia

Maiale con la barba, umano col cappello

Maiale con la barba, umano col cappello

Il 6 Novembre ho lasciato definitivamente VRSA per l’anno, e dopo due notti a Malaga, l’8 sono volato a Singapore via Londra.

Su come trovare i voli più economici per l’Asia e come acquistare il miglior computer da viaggio ho scritto recentemente.  Oltre che sul mio piano di viaggio per l’inverno e le mie letture preferite di questi ultimi mesi.

Torniamo ai miei viaggi: dall’aeroporto di Singapore sono andato direttamente alla frontiera e mi sono fermato due notti alla città di Johor Barhu, detta JB. Da qui l’11 ho preso un volo per Kuching, capitale del Sarawak nel Borneo Malese, che è stata la mia base fino a Natale.

Mentre facevo il volontario alla Reception del Sunset Homestay 2, e provando tutti i ristoranti che potevo, mi sono sinceramente abbastanza annoiato a Kuching, cat city.  La città offre poco a parte essere una buona base per i bei parchi Nazionali del Borneo.

Così mi sono inventato ai primi di Dicembre un viaggetto avventuroso in Kalimantan, il Borneo Indonesiano.

L’anno si concluderà con 5 giorni a Natale sull’isola di Langkawi a Natale. Prima di entrare in Thailandia ed arrivare entro il 31 a Suan Mokh. Dove comincerò il 2018 con un ritiro di meditazione.

One thought on “2017: Centro America, Hospitalero, Sarawak

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.