Blogroll

La 4a rivoluzione industriale

Un altro intervento di Ernst Wollf, che entra nel dettaglio della quarta rivoluzione industriale in atto, il piano distopico del transumanesimo e il reddito universale digitale per la creazione di un neofeudalesimo di schiavi automi.

Il mondo ha già visto tre rivoluzioni industriali.

Le prime tre rivoluzioni industriali

La prima, avvenuta tra il 1760 e il 1840, utilizzava l’energia dell’acqua e del vapore e gettava le basi per l’era industriale con la meccanizzazione della produzione.

La seconda, all’inizio del secolo scorso, ha introdotto la produzione di massa scientificamente organizzata, attraverso l’uso della corrente elettrica sulla catena di montaggio e il taylorismo.

Con la terza rivoluzione industriale, la digitalizzazione e la comunicazione mondiale via Internet hanno fatto il loro corso e hanno cambiato da zero la nostra vita quotidiana.

La quarta rivoluzione industriale, che è già in corso, avrà un impatto ancora maggiore sulle nostre vite. L’uso dell’intelligenza artificiale, dei robot che comunicano tra loro e si autoreplicano, così come l’uso di stampanti 3D, garantiranno la perdita di milioni di posti di lavoro in tutto il mondo, senza alcuna sostituzione significativa.

Da un lato, ciò significa che abbiamo a che fare con un enorme esercito di disoccupati che si stanno perdendo per l’economia in quanto consumatori. Per questo motivo si sta già lavorando febbrilmente in sottofondo all’introduzione del reddito di cittadinanza universale, che non ha lo scopo di garantire mezzi di sussistenza, ma piuttosto di stimolare artificialmente la domanda di beni di consumo.

D’altra parte, la perdita di milioni di posti di lavoro rappresenta una minaccia senza precedenti per i resti di democrazia che rimangono con noi, per il seguente motivo: i diritti democratici non vengono mai dati alle persone, sono stati ottenuti combattendo. Uno dei mezzi di combattimento più importanti è sempre stato lo sciopero, cioè il ritiro del proprio lavoro.

Ma in un mondo di robot autoreplicanti e di intelligenza artificiale onnicomprensiva, chi dovrebbe essere in grado di esercitare pressioni interrompendo il lavoro?

Quindi siamo sulla strada per un mondo in cui l’umanità sarà esposta a pressioni sempre crescenti senza essere in grado di difendersi efficacemente. Ma ciò porterà a una notevole insoddisfazione sociale e trasformerà gradualmente la società in una polveriera.

Il transumanesimo distopico

Probabilmente è la paura di questo sviluppo che fa sognare alcuni rappresentanti dell’élite del transumanesimo, cioè un mondo in cui noi umani ci fondiamo con la tecnologia digitale. Il suo scopo non è far avanzare l’evoluzione e portare lo sviluppo umano a un nuovo livello, come sostiene Klaus Schwab, il fondatore del World Economic Forum.

L’obiettivo del transumanesimo è creare un mondo in cui la maggior parte delle persone possa essere controllata e immobilizzata da ausili digitali in modo che non si ribellano, e possano essere utilizzate e adattate a condizioni sostanzialmente disumane da una piccola élite – in fondo quindi niente più che un moderna forma di schiavitù.

La domanda cruciale del nostro tempo è dunque: è inevitabile questo destino dell’umanità?

Una via d’uscita c’è

No. Abbiamo ancora la possibilità di ritirarci da un simile futuro. Ma ciò richiede che la maggior parte delle persone riconosca il più grande problema del nostro tempo. E questo problema non è che abbiamo troppa tecnologia o che la digitalizzazione è di per sé qualcosa di ostile agli esseri umani.

Consiste piuttosto nel fatto che il corso del mondo è attualmente determinato da una minuscola minoranza spregiudicata, che persegue un solo obiettivo: preservare i propri beni ad ogni costo e con tutte le possibilità tecniche disponibili, e cementare il proprio dominio a lungo termine.

La fonte dell’articolo:
https://apolut.net/die-gefahren-der-vierten-industriellen-revolution-von-ernst-wolff/

Categories: Blogroll, thoughts

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.