Blogroll

MEDITA-DIARIO: 8. Il 5° giorno

Patanjali

20) Dopo abbondante pioggia notturna, finalmente un mattinata fresca, dove persino le zanzare sembrano essersi prese una pausa e smetterla ti ronzarti attorno ossessivamente anche se ti sei appena spruzzato il repellente. Ci sono, ma non sono così irrequiete come nei due giorni passati.

Sperimento l’osservazione del mio corpo mentre mi addormento e non mi incazzo più. Interessante anche notare le reazioni fisiche quando sto per cominciare a mangiare: mi si annebbiamo le tempie. Capisco come è importante che riesca a calmarmi prima di cominciare il pasto.

21) E quando i grilli cominciano a cantare all’impazzata, cosa sta per succedere?

22) Due cose fondamentali da annotare, dopo che ho finalmente completato la mia prima “standing meditation”:
1) Come mi succede in ogni ritiro, grazie all’immobilità forzata, ho trovato la catena di trigger points che mi causava fastidio costante nella parte destra della schiena, fino al bacino. Come sempre partiva tutto dal collo, poi il trapezio e quindi la spalla destra.
2) Sto diventando cosciente delle parti del cervello che si attivano quando penso o provo emozioni. Per esempio se
A) sono cose che mi danno piacere è la parte superiore esterna.
B) desiderio sessuale attiva una regione dietro le tempie
C) emozioni legate alla presa di coscienza che non sono concentrato sono localizzate dietro, sopra la nuca.

23) La lezione serale è sui quattro fondamenti della “mindfulness” o consapevolezza piena della mente. Sono la consapevolezzaa del corpo, la consapevolezza di vedana o feelings o sentimenti, consapevolezza degli stati mentali e la consapevolezza degli oggetti mentali.

2 thoughts on “MEDITA-DIARIO: 8. Il 5° giorno

  • dabesa

    Ciao mitico,
    2 domande:
    1. Che significa che ti si annebbiano le tempie
    2. Come capisci che parte del cervello attivi

    Grazie

    • Effettivamente mi si annebbiano le tempie ha poco senso. La sensazione che provo e’ simile a qualcosa che viene pompato a pressione e velocità sostenuta dentro le tempie fino a farle scoppiare.
      Come faccio a capire quali zone del cervello si attivano: sento la zona gonfiarsi, pompare sangue più velocemente, diventare pesante o semplicemente che sta lavorando e c’è un’attivita più intensa che da altre parti. Negli altri ritiri, a partire dal primo, sono diventato cosciente delle sensazioni, piu’ o meno sottili, nelle diverse parti del corpo. Avere questa coscienza per gli stati mentali mi e’ successo per la prima volta in questo ritiro. Spiego meglio nei prossimi giorni, ma fammi sapere se continua a rimanere confuso

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.