i Viaggi di Clach

13 anni di vita nomade in 102 nazioni. La guida spirituale dei travel blogger marziani

Cosa fare a Capodanno?

Cosa fare a Natale? Cosa fare a Capodanno

Cosa fare a Natale? Pixabay

Cosa fare il prossimo Natale? Cosa fare a Capodanno? Quali sono le destinazioni, nomi, cose, città, nazioni,  da non perdere per il 2018? Caro topo intrappolato nella corsa dei topi, c’è una luce in fondo al tunnel. 

C’è un italiano che vive in Portogallo, stanotte dorme in Spagna e domani volerà a Singapore, via Inghilterra, per andare immediatamente in Malesia. Potrebbe essere l’inizio di una barzelletta, ma è semplicemente la mia vita.

E per tirarmela ancora un po’, aggiungo che ogni giorno mi trovo a parlare due o tre lingue.. che non sono la mia lingua madre che sto utilizzando per scrivere questo post.

Quindi, caro topo intrappolato nella corsa dei topi, che sta aspettando le prossime vacanze di Natale e Capodanno per non impazzire, ti sbagli se pensi che io stia qui a pontificare sul dove andare.

Dove andare per l’inverno 2018

Ripeto, se hai bisogno di suggestioni, puoi guardare Lonely Planet’s Best in Travel 2018, oppure Lonely Planet Ultimate Travel Day Planner 2018e anche
Lonely Planet Ultimate Travel 2018 Calendario.

Sono tutti strumenti utili. Così per esempio ho scoperto che da gennaio 2018 sono previsti i primi voli commerciali per l’Antartide!

E proprio l’Antartide era la meta che avevo in mente per questo 2018.  Dopo esserci stato lo scorso 1 aprile, l’idea era  di andare a Ushuaia e trovare il modo di salire su una crociera per il Polo Sud, che anche a metà prezzo sono fuori dal mio budget attuale.

Ci ho rimuginato un po’ e alla fine ho lasciato perdere. Cosi quando qualche giorno fa ho scoperto che il costo della vita in Argentina si è impennato, ero quasi contento. In realtà no. Non vedo l’ora di tornare in Argentina. Ripeto sempre che generalizzando, le persone in Argentina sono quello con cui mi sono trovato meglio. Clach è porteño nell’alma, oltre che essere Lindo Boludo. Però, non è il momento.

Quindi per un po’ ho considerato seriamente di imbarcarmi nella prima avventura africana. Dal Sudafrica all’Africa del Sud, sembrava proprio arrivato il momento per il primo viaggio nel continente nero, fuori dalle brevi esperienze che ho avuto nei paesi dell’Africa Mediterranea.

Le valute locali ai minimi, i costi degli aerei crollati, un aumento del numero di backpackers da un paio d’anni. Però al momento di programmare mi sono detto che quest’inverno la priorità non è viaggiare, ma studiare. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato scoprire che la temperatura dell’acqua sulla costa della Namibia è tra i 12 e i 16 gradi.

Cosa fare a Natale?

Cosi alla fine ho scelto di non lasciare la mia comfort zone. E al contrario andare nella zona in cui mi sento più comodo a viaggiare. Zona in cui incidentalmente manco da oltre tre anni. Per cui mi mancava.

Mi mancava la sua cucina. Mi mancava la facilità di fare tutto. Mi mancava la miglior qualità prezzo che puoi trovare. Mi mancavano le opportunità di imparare qualcosa di nuovo. Mi mancavano la Thailandia, la Malesia e in generale tutto il Sud Est Asiatico.

Però non c’era un posto in particolare in cui volevo tornare. Cercavo una città, ma che non fosse troppo grande e con troppe distrazioni. Quindi ho immesso tutti i dati nell’algoritmo propietario che nemmeno Google conosce, ed è venuto fuori Kuching, la città dei gatti.

gatti, gattini

gatti, gattini

Ammetto che la scelta era caduta su un posto in Malesia, perché è l’unica nazione del Sud Est Asiatico che ti permette di rimanere fino a tre mesi senza visto, quindi è la nazione più facile dove fare base. Però nel frattempo ho già  cambiato la mia idea di rimanere 4-6 mesi fermo nello stesso posto.

L’idea adesso è di rimanere a Kuching per un mese. Poi viaggiare un po’ per il Sarawak fino a Natale.

Quindi cosa fare a Natale? Siamo quasi arrivati a fine 2018 e ancora quest’anno non sono stato in una nazione in cui non ero mai stato prima. A questo punto l’unica possibilità che mi rimane è visitare il piccolo Brunei. Che rimane giusto al lato del Sarawak!

Cosa fare a Capodanno?

Tre giorni in Brunei saranno probabilmente sufficienti. Quindi che fare a Capodanno? Per quel che mi riguarda i tempi sono maturi per tornare a fare un bel ritiro di meditazione. Non c’è modo migliore di cominciare l’anno che un bel ritiro di meditazione in Thailandia.

Dopo Capodanno, visto che sarò in Thailandia, spenderò qualche giorno extra in the land of smiles.

Poi vorrei andare a Taiwan. Ho trovato un posto interessante dove poter fare volontariato, anche se al momento non c’è nessun accordo. Devo anche decidere se ci voglio andare prima o dopo il Capodanno cinese (che nel 2018 cade il 16 febbraio). Se vado dopo capodanno, l’idea è di girare prima un po’ tra Cambogia e Vietnam. In particolare l’isola di Pu Quoch, the next big thing.

Se clicchi sui palloncini azzurri dei luoghi, preziosi approfondimenti!

Questi i miei programmi per l’inverno, che come sempre rispetterò solo in parte. Perchè la vita è quello che ti succede mentre sei impegnato a fare piani (cit.)

Previous

Ottobre 2017: Rota Vicentina

Next

Dove e cosa mangiare a Kuching, Sarawak.

7 Comments

  1. Mario

    Mi domando dove trovi tutti I soldi per viaggiare.
    Sarebbe interessante capire come guadagnare viaggiando, ovviamente in modo legale…

  2. Massi

    Io invece ho lavorato come dipendente per più di 20 anni cercando di realizzare il progetto di vita che mi piaceva, e che si avvicina molto allo stile di vita di Cloudio. Chiaramente nel frattempo ho sempre viaggiato, e visto più di 60 paesi nei 6 continenti. Ho evitato come la peste si metter su famiglia (anche se amo i bambini), nonostante le grandi pressioni sociali, perché consapevole del fatto che altrimenti non ce l’avrei mai fatta. A 42 anni ho appena inaugurato la mia nuova vita.

    A proposito, son già in Siam. Ho voluto cominciare dal posto più easy. In Africa ci sono stato molte volte e sicuramente ci tornerò, ma lì non resisto più di 1 mese, nonostante mi piaccia molto. Da metà dicembre a inizio febbraio mi sposto in Vietnam (1^ volta), poi India per un paio di mesi. A seguire non so, forse rientro in Europa per la primavera o forse attendo l’estate (devo comunque rientrare prima di fine luglio per questioni burocratiche). Non essendo mai stato in Borneo sarà intrigante leggere le tue avventure. A dir la verità la Malesia non mi affascinò molto, ma son stato solo a KL, Langawi, Malacca e, queste si che mi piacquero molto, isole Perhentian.

    Anche l’idea di andare in Argentina me gusta mucho, entonces …. quizás que nos encontraremos en cualquier lugar un día o el otro : )

    • Ehi Massi, grazie del contributo! Forse sarò anch’io in Vietnam a fine gennaio /inizio febbraio, vorrei andare a Phu Quoch. Primo impatto a Kuching cosi così

  3. Massi

    Pensavo fossi già stato a Kuching, e che il tuo fosse un ritorno…

    Phu Quoch mi piace come idea, anche perché non son ancora mai stato in Cambogia, e a maggior ragione perché non era in programma. Se ti va e se riesco ad organizzarmi mi aggregherei volentieri. Ma ci vai prima o dopo il Vietnam? Io avrei in programma di andare a Goa ad inizio febbraio, quando la maggior parte dei topi si è rintanata e le stanze diventano meno care, per starci fino ad aprile, quando torna la stagione umida.

    C’è modo di stare in contatto tramite email?

  4. Massi

    Pensa che avevo dato per scontato fosse in Cambogia… illusione google-maps-ottica…
    Interessante l’articolo ed il blog.
    Thanks for sharing

Rispondi

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: