Il vero costo della vita a Milano

il vero costo della vita a MIlano

Una splendida foto dei Navigli a Milano, che non troverete su Instagram (fino a quando qualcuno me la ruberà)

Il vero costo della vita a Milano è sempre più pazzo e insostenibile. Non parlo solo dei prezzi per affittare casa o per pranzare fuori. La vita a Milano costa troppo per quello che offre.

Tornato a Milano dopo più di un anno e mezzo di assenza mi ero un po’ scordato di quanto fosse cara rispetto al costo della vita in Portogallo o alle Canarie.

Costo Affitti a Milano

Secondo Expatistan ci vogliono 750€ per affittare un appartamento di 45m2 in zona normale e oltre 1.000€ per la stessa metratura in zona di pregio. Vuoi 85m2? I costi salgono a 1.070€ e oltre 1.500€ rispettivamente.

Numbeo divide le case in 1 stanza (1.017€ in centro e 680€ fuori, o 3 stanze 2.600€ e 1.200€). A questi prezzi bisogna aggiungere le bollette, che sono pari ad almeno 120€ mensili per gli appa più piccoli.

Per chi vuole comprare casa i prezzi sono leggermenti scesi dopo anni di crisi. Per esempio in zona Giambellino-Lorenteggio ho visto offerte di bilocali in vendita a poco più di 100.000€.

Molto cari gli alberghi e le stanze ad affitto turistico o per periodi brevi. Usa un aggregatore come Hotels Combined per trovare gli affari migliori.

Scrivimi in privato, se ti interessa un attico con vista Duomo a prezzo stracciato

Mangiare fuori a Milano

Mangiare fuori a Milano è qualcosa che può essere ancora competitivo. A patto di pranzare in un ristorante di periferia o in zona universitaria, soprattutto in un all you can eat cino-giapponese, come Yujingyuan, dove con 10€ ti riempi fino a scoppiare.

O la sera in un bar che offre il celeberrimo aperitivo milanese a buffet, anche se purtroppo sono sempre di meno. Voglio dire, ok la posizione sulla Darsena, ma l’altro ieri ho fatto l’aperitivo a Ringhiera a 11€!

IMG_20170813_210510

Buffet a la Ringhiera, sui Navigli, Milano

Ma siamo pazzi? E i minimo 3€ per un gelato in centro? E non fatemi parlare del fatto che ti chiedono 10€ per un cocktail, roba da comprare la bottiglia al Lidl e servirlo in strada alla metà!

E a proposito di Lidl…

Dove fare la spesa a Milano

Evita come la peste il Carrefour express e non farti abbindolare dal Simply. All’Esselunga i prezzi rimangono corti anche senza quel caprone di Caprotti padre. Ma niente batte il Lidl.
Se i soldi non sono un problema e vuoi mangiare veramente bene, dai un’occhiata alla Guida Milano del Gambero Rosso 2018

Trasporti a Milano

Da quando il biglietto della metro/bus è aumentato a 1,5€ spostarsi a Milano con i mezzi pubblici non è più così conveniente. Mentre va detto che la rete ATM è sempre più capillare e di eccellenza europea, e i prezzi sono ancora più bassi di tante città con trasporti meno efficienti, l’ideale per girare a Milano rimane il motorino.

Oppure vai a piedi usando google map, come ho appena fatto..

Inoltre si stanno diffondendo rapidamente diversi servizi di car sharing e anche uno di noleggio biciclette il bikeMi, che nonostante i problemi ha già quasi 200 rastrelliere in città, ed è ottimo per girare nella cerchia dei bastioni.

Forse chi è appena arrivato a Milano non sa quale è la cerchia dei bastioni, e nemmeno la circonvalla della 90/91. Beh sappi, che Milano si naviga a cerchi concentrici, non a scacchiera come Torino o alla cazzo di cane come a Napoli e Roma.

Milano, car 2 go

Guarda l’auto! Non il riflesso del figurino che ha fatto la foto!

Il vero costo della vita a Milano

Il vero costo della vita a Milano è quindi troppo alto per chi non ha un buon stipendio. Secondo Numbeo Milano ha un indice vita di 86, solo il 14% inferiore a New York. Delle oltre 500 città recensite da questo sito, Milano è al 67 posto. Il costo medio per una persona sola, escluso l’affitto è 774€ mensili.

In alcune categorie di lavoro Milano offre l’eccellenza europea, se non mondiale. In quel caso lo stipendio sarà adeguato per poter vivere se non proprio da Ranzani, almeno da sciuretto.

Per la maggior parte però non giustificherà il costo della vita e il clima pessimo.

Attenzione però che anche all’interno dei settori competitivi, l’indice Gini è più sperequato che mai. Immagina fare il calciatore professionista. Una cosa è giocare per il Milan, un’altra farlo per la seconda squadra di Milano…
Milano vista dal cielo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  1. Pingback: 2017: Centro America, Hospitalero, Sarawak - i Viaggi di Clach